DAZN News

Le parole del presidente FIGC Gravina sul futuro del calcio italiano

1 min. di lettura
Gabriele Gravina

Nel contesto del Festival dello Sport di Trento, il presidente FIGC Gravina ha preso la parola insieme al presidente di Lega Serie A Casini. L'argomento centrale è stato il futuro del calcio italiano e la necessità di immediate riforme per evitare il crollo finanziario del sistema.

Le parole di Gravina sulla situazione economica del calcio italiano

"L'indebitamento del sistema ci preoccupa. Il calcio italiano perde appeal continuamente, nonostante gli sforzi delle varie società. Il nostro mondo ha una dimensione all'interno dell'economia del Paese. Il cambiamento è un elemento oggettivo, siamo in un punto di non ritorno. Ogni 10-15 anni il mondo del calcio muta, così come la tecnologia e la velocità. Cambia il modo di vivere un evento sportivo. Il calcio non può rimanere immobile."

Gravina sulla crescita dei giovani talenti

"La Federcalcio si sta organizzando per un dipartimento tecnico. Serve un intervento affinché i giovani riescano a trovare spazio all'interno delle competizioni. Le infrastrutture sono indispensabili".

Riforma e capitolo stadi

"Vorrei togliere il diritto di veto, non permette un'unità di intenti. Durante l'assemblea straordinaria del 21 dicembre ci confronteremo per cambiare le regole, poi affronteremo la riforma che lo stesso mondo del calcio chiede da troppo tempo. Per gli stadi servono i grandi eventi. Siamo candidati a Euro 2032, ma la caduta del Governo ha rallentato il processo."

Ultime notizie