DAZN News

Inghilterra, Rashford è diventato grande. E trascina Southgate agli ottavi

1 min. di lettura
Marcus Rashford Inglaterra Gales Mundial 2022 Getty Images

Per quel ragazzo di Manchester, diventato grande forse troppo presto, il Qatar è sembrato un'occasione enorme di riscatto. E' che Marcus Rashford, a 25 anni, ha già un peso sullo stomaco: ha fallito uno dei rigori decisivi nella finale degli Europei, proprio contro l'Italia.

Da lì ha dovuto costruire e ricostruirsi, sia in un club ambizioso come lo United, ma soprattutto tra le ferite dei Tre Leoni, ancora scottati da quell'epilogo a Londra dove l'azzurro Italia ha dominato su tutto. 

Ma ha sempre avuto la qualità giusta, Rashford. E ha sempre portato a casa gol pesanti.

Già all'età di 18 anni, Hodgson aveva intravisto un talento fuori dal normale. Nessuno immaginava che avrebbe trascinato l'Inghilterra agli ottavi di finale - da disputare contro il Senegal -, tutti però si aspettavano una presa di posizione, una dimostrazione importante di talento. 

20221129-WC-England-Rashford

La prima competizione da protagonista

Ai margini per Kane, ma anche per Sterling, per la stella Foden, per un po' di discontinuità che si è portato dietro. Rashford non ha mai avuto un ruolo da primo violino all'interno dello United, figurarsi un posto al sole con l'Inghilterra.

Eppure con il lavoro, con l'ambizione, in particolare con tanta generosità, Marcus ha saputo ritagliarsi un posto tra i fedelissimi di Southgate. L'aveva convocato nel 2018 per i Mondiali di Russia, facendolo esordire contro la Tunisia; l'ha lanciato - sempre dalla panchina - agli Europei dello scorso anno. 

Adesso? Tre gol in tre partite. Capocannoniere del torneo con altri golden boys che stanno diventando uomini forti del panorama calcistico: Mbappé e Gakpo, metnre Valencia (Ecuador) ha salutato il torneo. La sensazione, ecco, è che siamo solo all'inizio di una nuova storia. Anche e soprattutto per Marcus Rashford.

Ultime notizie